Web Radio

La web radio di Venezia, Mestre e Marghera.
Ogni giorno un programma ricco di interventi e rubriche sull’attualità della nostra città.

Palinsesto #radioterraeacqua 

Appuntamenti quotidiani

  • 10:00  📖 Te conto e te racconto, storie e racconti su Mestre e Venezia a cura di Alessandro Bressanello – dal lunedì al venerdì, replica alle 17.30
  • 11:00 🧚‍♀️Sior Intento, fiabe e filastrocche a cura di Alessandra Pellizzari – dal lunedì al venerdì, replica alle 17
  • 12:00 🔥Mezzogiorno di fuoco, appuntamento quotidiano con la rassegna stampa a cura di Marco Gasparinetti – replica alle 13.00 14.00 e 15.00
  • 15.30 🖋️La casa delle parole, viaggio attraverso la poesia a cura di Aline Cendon – dal lunedì al venerdì, replica alle 22
  • 18.30
    👊🏼Per un pugno di voti: la diretta in studio con Seba Giorgi – dal lunedì al venerdì
  • 00.00 💃🏻 I bambini sono a letto, Alessandro Bressanello legge le poesie di Giorgio Baffo
 

Appuntamenti settimanali

Lunedì:

  • 9:00 👨🏼‍🦳VECIO BRONTOEON, stringa satirica a cura di Phil61 – repliche lun. alle 18; mar. alle 10.30 e alle 22.30; gio. alle 8 e alle 14; sab. alle 9.30 e alle 21.30
  • 21:00 🙆🏻‍♂️EROI VENEZIANI, approfondimento storico a cura di Luca Azzano Cantarutti, repliche lun. alle 21, mer. alle 8 e alle 15, ven. alle 13 e alle 21.30, dom. alle 10 e alle 22.
Martedì e Venerdì:
  • 9:30
    🔍
    PASSARE ATTRAVERSO a cura di Vitti Castelmagno – repliche martedì e venerdì alle 16:30
Giovedì: 
  • 18:00
    📜
    LASCITI DELLA SERENISSIMA a cura di Stefano Croce – repliche lunedì alle 14 e sabato alle 11

Vuoi riascoltare i momenti salienti della programmazione?

Ogni settimana, su tutte le principali piattaforme, potrai trovare una selezione 
delle rubriche principali della nostra Web Radio in formato Podcast.

Trovi i podcast di Terra e Acqua 2020 anche su:

Ti piacerebbe intervenire o partecipare al programma della Web Radio di Terra e Acqua 2020?

Scrivici all’indirizzo email latuaidea@terraeacqua2020.it, la tua voce per noi è importante!

Consiglio Comunale Straordinario
5 novembre 2020

Nel corso del Consiglio comunale straordinario del 5 novembre sono state presentate e discusse due distinte mozioni dedicate alla creazione di una «cittadella dello sport» (una della maggioranza, approvata, e una del M5S, respinta), dopo che il Sindaco in carica aveva rimproverato alle opposizioni, con toni anche offensivi, di non comprendere le priorità del momento attuale. Ne deduciamo quindi che la priorità per il Sindaco è la cittadella dello sport e non la situazione di profonda sofferenza in cui si trovano artigiani e commercianti, famiglie e lavoratori. Egli non solo si è dimostrato reticente nel dare le spiegazioni richieste sull’intreccio di interessi privati che gravitano sull’area dei Pili, ma anzi ha approfittato di questo Consiglio comunale straordinario per fare approvare una mozione con cui impegnano Sindaco e Giunta «A RICERCARE ulteriori fonti di finanziamento, anche tra quelle del Recovery Fund, per lo sviluppo del territorio metropolitano veneziano, anche per favorire la nascita di una “cittadella dello sport” di livello internazionale, degna del capoluogo del Veneto». In risposta alle offese ricevute, le opposizioni hanno scelto di non partecipare al voto. Terra e Acqua ha aderito a questa scelta, e nella sua dichiarazione di (non) voto ha espresso solidarietà ai consiglieri PD insultati dal Sindaco. Nel merito della questione affrontata, riteniamo comunque doveroso rendere nota ai cittadini la posizione di Terra e Acqua 2020. Altre sono, a nostro parere, le priorità di spesa in questo momento drammatico. La «cittadella dello sport» è un progetto nobile e ambizioso del quale si parla da svariati decenni, ma stupisce la scelta del luogo dove si vorrebbe che questi investimenti – pubblici o privati che siano – venissero realizzati: la famosa area dei “Pili”, di cui ancora non conosciamo l’esito della caratterizzazione dei suoli, più volte rinviata (anche con ricorsi al TAR). Ricordiamo infatti che le ultime risultanze disponibili, in un’area caratterizzata dall’accumulo di fosfogessi, avevano riscontrato tracce di radioattività. Ci chiediamo perché realizzare una cittadella dello sport su terreni privati, acquistati a basso costo perché pesantemente inquinati e, giova ricordarlo, attualmente di proprietà del Sindaco. Ci chiediamo perché non si possa trovare un luogo alternativo per la realizzazione di questo progetto e soprattutto vigileremo che tale operazione non si riveli a vantaggio di una sola persona o di poche società sportive ad essa riferibili. Siamo favorevoli, ad investimenti pubblici e/o privati per l’adeguamento o la realizzazione di nuovi impianti sportivi a favore della comunità, come indicato nel nostro programma elettorale. Nel Comune ci sono palestre e strutture che versano in uno stato di forte degrado e che necessitano di manutenzione urgente; mancano altresì strutture e spazi di quartiere dove le decine di associazioni sportive possano esercitare in maniera agevole le loro attività, tra cui quella sociale tanto importante in questo periodo di difficoltà. Vigileremo quindi perché i soldi che potrebbero arrivare, e che difficilmente saranno quelli del “Recovery Fund”, vengano investiti innanzitutto per tali strutture e per le associazioni che usufruiscono degli spazi suddetti.

Il Gruppo consiliare di Terra e Acqua 2020 Venezia e Mestre, 9/11/2020